Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

domenica 14 luglio 2013

Vigilare sulla Costituzione...


Altan.
Venerdì scorso ad Albenga ho ascoltato con molto piacere l’appassionato intervento del sen. NANNI RUSSO sui rischi della riforma della Costituzione, così come voluta da alcune forze parlamentari, e sulla vergognosa sospensione dei lavori del Parlamento, come protesta avverso  una decisione della Cassazione. Condivido pienamente le sue ansie e le sue preoccupazioni, che sono ansie e preoccupazioni di moltissimi Italiani.
Come non prendere le distanze, con umiltà ed ironia,  dai facili pensieri, dalle sicurezze classificatorie di tanti benpensanti (non importa se di destra o di sinistra, se del PDL o del PD)  che antepongono eventuali affrettate riforme costituzionali alla risoluzione del dramma che il Paese sta vivendo e soffrendo, che quindi ritengono la Costituzione un naso di cera facilmente manipolabile a proprio piacimento e secondo i propri interessi, che hanno applaudito la sospensione dei lavori parlamentari come un fatto naturale, che  preconizzano, novelle cassandre,  nella sentenza del prossimo 30 luglio il rischio dell’apocalisse?
Non è forse ora di  burlarsi di questi modi di fare politica, della sottesa  aridità spirituale, del disincanto che non ammette aneliti, ma solo   maschere, simulacri, formule trite, diversivi ed intrighi di consorteria?
Burlarsi dunque per non dare pace all’idolatria del paganesimo politico, per non scendere a patti con chi crede gli altri per forza somiglianti alla propria mediocrità, per non rinunciare all’obbligo di pensare e prendere coscienza del rovinio della futilità, della drammaticità del nostro presente, delle sofferenze cogenti  di chi è meno garantito.
E’ necessario ristabilire le grandezze, è necessario continuare l’impegno pervicace quotidiano di fare crescere la speranza e la fiducia nelle istituzioni politiche, in sé né dannate né prevaricanti.
Cadono i veli e le illusioni e si precisano i contorni del vecchio e del nuovo, che non sono il passato o il futuro, gli anziani  o i giovani, ma dimensioni spirituali, per cui “nuovo” significa una cosa sola: ritornare a pensare in grande, riappropriarsi degli orizzonti che appartengono a chi  ben conosce la miseria e la grandezza dell’uomo, a chi non aspira ad impossibili purezze, ma esige con ogni sforzo la via della coerenza e della testimonianza  più autentica.

2 commenti:

  1. La Costituzione italiana ci ricorda che c’è stato un tempo, nell’immediato dopoguerra, di grande tensione ideale, in cui l’istanza egualitaria socialista, l’anima solidaristica cattolica e il liberalismo risorgimentale hanno dato vita, in nome dell’antifascismo, ad una sintesi di altissimo respiro. Penso che la Costituzione vada custodita e difesa per questa grandezza che ha in sé e che sprona a coltivare in noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho nulla da aggiungere, se non assicurare l'impegno mio personale, ricordando a tutti Calamandrei: “…Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la Costituzione,andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì,o giovani, col pensiero, perché lì è nata la nostra Costituzione”. (Discorso sulla Costituzione)

      Elimina