Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

martedì 27 marzo 2018

La luna, stupendo simbolo.

Dalla luna di Ciàula alla risonanza poetica e simbolica della luna.
Post di Rosario Grillo
Immagini delle opere del pittore tedesco Hans Thoma (1839-1924).

Hans Thoma, 
Violinista al chiaro di luna
Se ne accorse solo quando fu agli ultimi scalini. Dapprima, quantunque gli paresse strano, pensò che fossero gli estremi barlumi del giorno. Ma la chiaría cresceva, cresceva sempre più, come se il sole, che egli aveva pur visto tramontare, fosse rispuntato. 
Possibile?
Restò – appena sbucato all’aperto – sbalordito. Il carico gli cadde dalle spalle. Sollevò un poco le braccia; aprì le mani nere in quella chiarità d’argento.
Grande, placida, come in un fresco luminoso oceano di silenzio, gli stava di faccia la Luna.
Sì, egli sapeva, sapeva che cos’era; ma come tante cose si sanno, a cui non si è dato mai importanza. E che poteva importare a Ciàula, che in cielo ci fosse la Luna?
Hans Thoma, 
Endimione e la luna
Ora, ora soltanto, così sbucato, di notte, dal ventre della terra, egli la scopriva. 
Estatico, cadde a sedere sul suo carico, davanti alla buca. Eccola, eccola là, eccola là, la Luna… C’era la Luna! la Luna!
E Ciàula si mise a piangere, senza saperlo, senza volerlo, dal gran conforto, dalla grande dolcezza che sentiva, nell’averla scoperta, là, mentr’ella saliva pel cielo, la Luna, col suo ampio velo di luce, ignara dei monti, dei piani, delle valli che rischiarava, ignara di lui, che pure per lei non aveva più paura, né si sentiva più stanco, nella notte ora piena del suo stupore (Pirandello).


Hans Thoma, 
La luna
La teocrazia (ecclesia triumphans) si riconosceva nella immagine - simbolo del Sole.
La Chiesa dei poveri (papa Bergoglio) si ritrova meglio nella immagine - simbolo della Luna.
La luna, cantata da mille poeti!
Molti la vedono come indifferente osservatrice.
Io la sento: pura, partecipe, com - mossa!
Stupore: commenta Pirandello.


🌙Link: La luce dell'inconscio. Luce dell'ombra e l'ombra della luce.


💥💥💥💥💥💥💥💥💥💥💥💥
💥💥💥💥💥💥💥💥💥💥💥💥

10 commenti:

  1. Ho riprovato le emozioni di tanti anni fa quando ho letto per la prima volta Ciàula e la luna. Grazie, Rosario. Condivido la non-indifferenza (la differenza dell’alterità che ti appassiona) della luna.

    RispondiElimina
  2. Riscrivo. Una immagine che portò con me fin dalla scuola media e che mi emoziona sempre come la prima volta. È inoltre rinvigorita dalle notte estive che in Sicilia presentano proprio questo spettacolo.
    Ringrazio Rossana per la “ speciale confezione”, apprezzatissima. La voce narrante è in sintonia con il dialetto e con l’aura del brano.
    Ringrazio anche te, Gian Maria, del partecipe commento!
    🎈💐🌈

    RispondiElimina
  3. buongiorno. anche noi tra alcuni giorni potremo vederla -piena-. la seguo nella sua fase crescente. sempre la seguo e sempre mi dico -ma cosa ti cambia nella vita-? non lo so ma non posso fare a meno di seguirla è pura e forte attrazione è irresistibile. pensate che in tedesco ha l'articolo maschile!!!! ASSURDO mi sembra che la luna abbia un preciso significato simbolo in ecclesiologia..però non ricordo più (=asina). ho visto qui un link su -luna e inconscio- ma ora non lo vedo più è sparito? : - ( ora e sempre grazie. davvero

    RispondiElimina
  4. Grazie della partecipazione d’interesse! Lunatica : no, ma lunare sì 💫

    RispondiElimina
  5. grazie stamattina ho fatto in tempo a leggere qualcosa dal link -luce dell'inconscio-. ma torno a padre David Turoldo di cui avevo sentito tutto il suo canto di lode a Maria e dopo anche un meraviglioso video -visita al cimitero del Paese-. e come è vero che i morti siano vivi e chissà magari più di noi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.jungitalia.it/2017/01/16/la-luce-dellinconscio-luce-dellombra-emanuele-casale-lanima-fa-arte/

      Elimina
  6. ciao Rosario..perdo un sacco di cose perché non ho ancora padronanza (ben lontana)di post blog etc ..questo http.....Jung Emanuele Casale non saprei usarlo così come me lo invii (ma GRAZIE!!!) seguo jungitalia. allora cercherò luceinconscioluceombra...............che bello, m'innamora. ciao buongiorno!

    RispondiElimina
  7. Mariangela Romanisio7 aprile 2018 14:23

    Tanti modi di vedere la Luna come un simbolo, non solo un corpo celeste...
    Aggiungo il contributo alla causa della Luna dal grande Jorge Luis Borges:


    La luna

    C’è tanta solitudine in quell’oro.
    La luna delle notti non è la luna
    che vide il primo Adamo. I lunghi secoli
    della veglia umana l’hanno colmata
    di antico pianto. Guardala. E’ il tuo specchio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rossana Rolando9 aprile 2018 13:27

      Grazie Mariangela per il bellissimo contributo. Prendo spunto per inserire un video omaggio a questa poesia:
      [video]https://www.youtube.com/watch?v=0aAQBcueZ1E[/video].
      Buona giornata!

      Elimina