Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

sabato 2 dicembre 2017

Padre Turoldo,"Canti ultimi".

David Maria Turoldo racconta - in modo toccante - il suo rapporto con la morte: quella propria (quando ormai è già gravemente malato) e quella dei suoi genitori.
🖊Post di Gian Maria Zavattaro.
Link al precedente post su Padre Turoldo.

Padre Turoldo, 
Canti ultimi
No, non c’è notte da Innominato che non possa essere squarciata da una preghiera. Perché anche il disperato spera; anche il suicida spera. Pure la morte spera; e può essa stessa comporsi in un estremo 'De profundis'. Anche il fiotto del sangue è un inaudito gemito. Anche chi grida a te da luoghi troppo profondi e ti dice di non ascoltar la tua voce, ti prega. E pure chi ti maledice, Dio, a suo modo ti innalza il suo 'De profundis' assurdo. E, presente o assente che tu sia,  sempre incombi dall’alto polo dell’abisso: ora muto come una lapide; ora tenero come una madre, gioioso di sentire pietà. Tu pure commosso ed avvilito per questo infinito dolore del mondo;  commosso per le tante vite infelici, colpevoli o innocenti che siano”(D. M. Turoldo, prologo al salmo 130 (129) Dall'abisso, in I Salmi versione poetica, ed. S. Paolo, 2016 p.4°8).

In continuità ed a conclusione  del precedente post si propongono tre passi de “LO SCANDALO DELLA SPERANZA colloquio intimo tra N. Fabbretti e D. M. Turoldo”: nei  primi due p.Turoldo ci invita a confrontarci insieme sulla morte, nel terzo a sperare tutti insieme…

🌟1. D.  È stato facile al poeta Turoldo, cantare la santità della morte per i nuovi martiri come Romero, e per tutti quelli ignoti e senza sepoltura o aureola? Un tema come il dolore e la morte non ha finito per costituire un rischio di retorica, un rischio di “edificante” e di “già detto”, anche per te?
☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆

☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆ 
💥R. Vedi, bisognerebbe cominciare dall’Eucarestia. La rappresentazione sacra che io ho realizzato durante il congresso eucaristico di Milano, alla presenza del cardinal Martini, con la chiesa piena di San Carlo, porta il titolo: La morte ha paura, … ha paura dell’Eucarestia. Noi abbiamo un falso concetto di morte. Per carità! Non facciamo della retorica, non facciamo della facile apologetica, io so benissimo che la morte è uno strappo, che la morte è un dramma quando non è anche una tragedia. Ma io tuttavia vengo dopo la risurrezione di Cristo, vengo dopo l’Orto degli ulivi. Ho meditato a lungo questo. La notte del Signore è il titolo di un ultimo mio poema che fa parte del Grande Male. E il Grande Male non è la morte, ma l’oltremorte, la paura del Nulla, e cioè il Nulla che noi adoriamo, il nichilismo che fermenta dentro il nostro stesso essere. Perché Cristo non è tanto che teme e paventa la morte, quanto teme la tortura, l’arresto, il ricatto, l’umiliazione, la passione. Tanto è vero che si preferisce la morte, non la tortura, non l’umiliazione, non il dolore, anche se tutto è provvidenziale. Ma lasciamo stare, non facciamo della facile retorica, io so benissimo come sono le cose, e anzi, non è che mi lasci tanto influenzare dall’encomio della morte. No, io la prendo nella sua realtà di un finir di morire, di un incontro col Signore, di una vita da risorto, e quindi è l’incontro col Padre. 
Andrea Mantegna, 
Preghiera nel Getsemani (1459
Detto questo, io dicevo che è la morte che noi dobbiamo accettare e sola soluzione è l’accettazione della morte. Perché io sfido chiunque abbia amato la vita come l’ho amata io, e come continuo ad amarla. E vorrei quasi dire, ma senza presunzione, che il segreto di questo è che ho sempre pensato la morte. E la morte mi è familiare. Anzi c’è un altro verso che dice: “Oh santi! beati voi che avete pranzato con la morte, amante di felici alcove”… È quasi macabro, quasi barocco! Vi leggo un’altra poesia dove c’è il riassunto della mia vita di sacerdote, di frate, di vagabondo, però sempre raccontata nella confidenza ultima coi miei morti. Qui sono nel cimitero del mio Friuli e sono sulla tomba di mia madre. E voglio dirvi che ricordo in questa poesia mio padre, mia madre, le sere che si recitava il rosario in casa, e io ero fanciullo. Si pregava per i vivi e si pregava per i morti. E io, nel mentre stavo lì sulla tomba di mio padre e di mia ma-dre, sento tutta questa infanzia che ritorna, questi costumi, e comincio a cantare. E nel canto terminerò soprattutto con la visione di mia madre in fondo alla chiesa, perché lei si metteva sempre in fondo, quasi aveva vergogna. E soprattutto se ero io a celebrare, si abbassava, si abbassava, soprattutto quando predicavo. E di lei non vedevo neanche la faccia, ma vedevo soltanto la schiena curva, perché si vergognava, perché arrossiva, perché temeva ... non so quali sentimenti avesse. E io la vedevo da lassù. Nella meditazione sulla sua tomba ricordo tutto questo e canto…
🌟2. D.  Ci scandalizzammo un po’ tutti in quegli anni, nel primo momento in cui ti scoprimmo poeta, per due terribili ed evangelici versi dove dici dei tuoi genitori: “O miei parenti finalmente siete morti!”. Hai iniziato allora l’amicizia che ci manca di più, la conversazione – se non addirittura il convito – con la morte come fedeltà alla vita.
☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆

☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆
💥R. Tutti si sono scandalizzati. Ogni volta che partivo da casa auguravo la buona morte a mia madre, perché era di una tale miseria che aveva tutto da guadagnare. Come la parabola di Lazzaro e del ricco epulone: “C’era un uomo ricco – anzi non un uomo, il vangelo non lo dice, un “dives quidam”, perché il ricco non ha nome e non è neanche un uomo nel vangelo – c’era un ricco che banchettava tutti i giorni e vestiva di porpora e bisso… E c’era un povero di nome Lazzaro che attendeva le briciole che cadevano dalla mensa del ricco e nessuno gliene dava. Solo i cani gli leccavano le piaghe. Ora avvenne che Lazzaro morì”. Il primo a morire è Lazzaro, non è il ricco. La morte nella vita del povero è una speranza, perché se si doveva seguire l’ordine logico della parabola doveva morire prima il ricco. Invece no, è morto il povero, perché Dio pensa con senso di provvidenza e di luce anche alla morte. 
Andrea Mantegna, 
Morte della Vergine (1462)
Ed anche senza disturbare san Paolo, se per lui la morte era un lucro, per mia madre era una liberazione. Io quando partivo le auguravo sempre la buona morte e perciò vado sempre nel cimitero a risentirli vivi. Anzi ho fatto ultimamente una poesia dove dico che tanto sono convinto della santità di questa gente che mi ha trasmesso la fede, che se dovessi per ipotesi andare in paradiso dove non c’è mio padre né mia madre, io rinuncio anche al paradiso. Come dice il vescovo del Sudafrica: “Quale Dio? questo non è un Dio per me!”. Tant’è vero che tutto il libro porta questo titolo: Udii una voce. E qual è questa voce? “Audivi vocem de cielo dicentem: Beati mortui!”. Bisognerebbe avere un altro rapporto con la morte. Penso che la cosa migliore per superare la morte non è quella di emarginarla, di esorcizzarla, di chiuderla in cantina, di fingere che non si muore; tanto più poi che la nostra civiltà è una civiltà che porta la morte nel proprio ventre. È una civiltà di morte. Non facciamo altro che emarginarla e ci scoppia tra le mani. La portiamo a ridosso, la beviamo con l’acqua, la respiriamo con l’aria, la mangiamo coi cibi che mangiamo, è una morte che incombe. È tutta una civiltà sotto il segno della morte e tu fai di tutto per non vederne il funerale. Anzi, fra poco anche il pensionato lo affiderai a qualcuno e non se ne parli più, hai prolungato la vita e non sai che cosa farne, non sai né affrontare la vita né affrontare la morte. Appunto perché non hai il coraggio di accettare la morte, per questo usi della vita in quella maniera che ne usi. Adesso vi leggo subito una strofa soltanto dei Salmi in morte di mio padre e di mia madre…  

🌟3. D. Potresti leggere per noi uno dei tuoi Canti della speranza? 
☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆

☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆
💥R. Ecco l’inizio della Ballata della speranza :
 “Tempo del primo avvento -  tempo del secondo avvento - sempre tempo di avvento: -  esistenza, condizione  - d’esilio e di rimpianto. -  Anche il grano attende - anche l’albero attende  - attendono le pietre - tutta la creazione attende.  - Tempo del concepimento  - di un Dio che ha sempre da nascere.  - Questo è il vero lungo inverno del mondo:  - Avvento, tempo del desideri - tempo di nostalgia e ricordi  - (paradiso lontano e impossibile!).  - Avvento, tempo di solitudine  - e tenerezza e speranza.  - Oh se sperassimo tutti insieme  - tutti la stessa speranza -  e intensamente -  ferocemente sperassimo sperassimo  - con le pietre  - e gli alberi e il grano sotto la neve -  e gridassimo con la carne e il sangue -  con gli occhi e le mani e il sangue;  - sperassimo con tutte le viscere  - con tutta la mente e il cuore - Lui solo sperassimo;  - oh se sperassimo tutti insieme  - con tutte le cose -  sperassimo Lui solamente  - desiderio dell’intera creazione -  e sperassimo con tutti i disperati  - con tutti i carcerati  - come i minatori quando escono  - dalle viscere della terra, -  sperassimo con la forza cieca -  del morente che non vuol morire, - come l’innocente dopo il processo - in attesa della sentenza,  - oppure con il condannato  - avanti il plotone di esecuzione - sicuro che i fucili non spareranno;  - se sperassimo come l’amante -  che ha l’amore lontano -  e tutti insieme sperassimo,  - a un punto solo  - tutta la terra uomini  -  e ogni essere vivente  - sperasse con noi  - e foreste e fiumi e oceani,  - la terra fosse un solo -  oceano di speranza -  e la speranza avesse una voce sola”.

Andrea Mantegna, 
Orazione nell'orto (1455).

10 commenti:

  1. Nella Crosiglia2 dicembre 2017 07:58

    Molto interessante.

    RispondiElimina
  2. Giuliana Pascoli2 dicembre 2017 08:13

    Grazie... Portaci ancora pagine sublimi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le parole di D.M. Turoldo sono davvero molto sentite e coinvolgenti. Un saluto.

      Elimina
  3. Mi sembra un gigante, un David, un arrivo dalle profondità del tempo (“tempo” come lo riempie cantando la sua voce) e quindi senza tempo. Dice cose essenziali, la sostanza dolorosa e fremente. Lui magnifico ma la mamma! Questa “povera donna” che rimane in fondo alla chiesa, che si nasconde, che mostra solo la schiena curva soprattutto quando è il figlio che celebra e predica, mi sembra ancor più, umilmente, magnifica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Gianni, pagine stupende quelle che citi ed ancor più suadente e pervasiva la sua voce “fremente”, che mi riporta, ci riporta, ad ognuna delle nostre “magnifiche” madri. Ciao.

      Elimina
  4. Non si può commentare, si deve “sentire” CUORE!!!
    Morte è nascita : inseparabili.
    SPERANZA : alimento della Vita, che accetta la morte.
    Dovrebbe essere il nostro MEMENTO CONTINUO. GRAZIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Rosario, quanto dovremmo riflettere – come ben sai - sugli spunti che offri. Ma non tarderemo….

      Elimina
  5. Questa Ballata della Speranza è commovente e meravigliosa ... Penso di rilanciarla nel mio blog. Grazie. Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sempre, grazie a Lei, gent.le Maria. Ancora buon mercoledì d’Avvento….

      Elimina