Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

sabato 4 giugno 2016

Orientamento nella scuola. Jackson Pollock, Direzione e Alchimia.


Per integrazione scuola lavoro
si può vedere il post 
Alternanza scuola lavoro


Jackson Pollock, 
Direzione (particolare)
L’integrazione scuola-lavoro presuppone capacità e volontà di orientamento che non si risolvono  in incontri estemporanei o nella delega ad esperti né si esauriscono in tecniche diagnostiche.
Si sa che l’orientamento dovrebbe invece contrassegnare tutta la vita scolare: un processo che, a partire dalla prima età, è volto a formare progressivamente giovani né statici né passivi, ma “lottatori e conciliatori”, disponibili ad interagire con gli altri ed a gestire ogni nuova situazione, capaci di conquistare  la propria identità nella conoscenza di sé, della realtà locale e globale.
Jackson Pollock, 
Direzione (particolare)
Orientare allora vuol dire consentire ad ogni studente di:
- conoscere il mondo del lavoro attraverso itinerari mirati, in cui lo studente scopre e sperimenta la  propria autonoma identità, prova ad interagire e crescere con gli altri ed ipotizza le sue  scelte future
- riflettere sull’esperienza, controllare le proprie capacità di trasferire le conoscenze nella prassi, verificare le proprie abilità e competenze, scoprire in sé eventuali aree potenziali, in armonia con il curriculum scolastico
- rendersi consapevole che oggi è prevalente la produzione  di beni immateriali (informazioni, simboli, idee, valori…) rispetto alla produzione di beni costruiti in serie
Jackson Pollock, 
Alchimia (particolare)
superare l’incertezza nei confronti della stabilità e della linearità consequenziale tra scuola-posto di lavoro, nella consapevolezza che nel suo percorso di lavoro  il cambiamento potrebbe essere  la costante
dominare e non essere dominato dalla tecnologia multimediale che  sta producendo una rivoluzione culturale nella vita privata e nella psicologia degli individui, nelle aziende, nell’organizzazione della città.
Nessuno, né la singola scuola né l’extrascuola, può illudersi di poter “fare orientamento” da solo. Unica prospettiva è la collaborazione sinergica di tutti i soggetti istituzionalmente competenti in rete  verticale (continuità tra scuola dell’obbligo, scuola superiore, istruzione e formazione postsecondaria)  e soprattutto trasversale (con territorio e società civile). 

Jackson Pollock, Direzione (1945)
Jackson Pollock, Alchimia (1947)

Jackson Pollock, la forma dentro il caos. I curatori della collezione Peggy Guggenheim di Venezia ci hanno gentilmente autorizzato a pubblicare (qui il sito) le due opere di Jackson Pollock qui riprodotte. La figura di Peggy è determinante nella diffusione e valorizzazione dell’arte cubista, astratta e surrealista novecentesca e, in particolare, nella promozione di Pollock e del movimento statunitense della metà del Novecento, conosciuto sotto il nome di espressionismo astratto o anche di arte informale. 
Pollock è iniziatore di uno stile, chiamato  Action Painting, che utilizza il metodo Dripping (sgocciolatura), versando direttamente il colore, spremuto dal tubetto o versato dal barattolo, sulla tela, senza l’intermediazione del pennello. Al di là della tecnica quel che va sottolineato è l’ordine sotteso all’apparente disordine, le corrispondenze e le simmetrie che si nascondono sotto i colori e gli intrecci, la cura del dettaglio che non lascia nulla al caso, in particolare in Alchimia (Alchemy, 1947),  l’opera capolavoro di Pollock, considerata una vera e propria icona della sua arte. Far emergere dalla complessità stratificata – dei linguaggi, della realtà, delle relazioni – una direzione, un orientamento, un filo da seguire: questo è il messaggio più interessante che l’arte informale ci propone. La razionalità, l’ordine, la forma non precedono l’esperienza, come un disegno della mente che voglia imporsi e imbrigliare la realtà, ma vanno cercati dentro la ragnatela dell’inconscio e delle sue pulsioni, dentro l’informità del caos. 

Segnaliamo la mostra in corso a Firenze (19 marzo - 24 luglio): DA KANDINSKY A POLLOCK. LA GRANDE ARTE DEI GUGGENHEIM.

In questo video si può ascoltare una breve ed efficace presentazione di Jackson Pollock (si consiglia di mettere in pausa la musica del blog prima dell'avvio). 



Post di Gian Maria Zavattaro
Iconografia di Rossana Rolando.

Nessun commento:

Posta un commento