Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

lunedì 16 marzo 2015

Vita quotidiana alienata.. Video.


La vita quotidiana ti ha visto e già succhiato
come il caffè che bevi appena alzato
e l' acqua fredda in faccia cancella già i tuoi sogni
e col bisogno annega la speranza
e mentre la dolcezza del sonno si allontana,
inizia la tua vita quotidiana...
Francesco Guccini.


La possibile prigione 
della vita quotidiana...
Proponiamo di seguito un video, consigliatoci da un'amica qualche tempo fa. L'abbiamo trovato davvero impressionante e capace di suggerire un messaggio su cui val la pena riflettere. Sono tanti i premi ed i riconoscimenti internazionali che ha avuto. 

... la prigione 
dell'incomunicabilità...
Ma soprattutto ciò che ci ha stimolato a condividerlo su questo blog è l'amara fotografia  di una vita quotidiana imprigionata in una paralizzante incomunicabilità tra le persone o, forse peggio, in una stratificata e gerarchizzata prassi comunicativa che trasforma gli altri in oggetti strumentali e che si distende in progressive consolidate abitudini e rituali compulsivi, che non sono altro che rapporti neppur tanto mascherati di dominanza - sottomissione .... 

... la prigione 
delle abitudini ...
Non condividiamo il pessimismo di fondo, non crediamo che i  rapporti sociali, familiari e professionali, siano dominati da un inconsapevole sadomasochismo, anzi!
Sappiamo quanto sia diffuso - magari silente e nascosto, e quindi invisibile - il gesto abituale del dono che non richiede reciprocità. Ma solo dalla consapevolezza e dalla messa in discussione di ciò che siamo e dei rischi che corriamo nascono e crescono speranza ed azioni di cambiamento.

Si consiglia di mettere in pausa la musica del blog prima di avviare il video.





Chi desidera intervenire può andare qui sotto su "commenta come", nel menù a tendina selezionare "nome/URL", inserire solo nome e cognome e cliccare su continua. Quindi può scrivere il proprio contributo sul quale rimarrà il suo nome ed eventualmente, se lo ritiene opportuno, può lasciare la sua mail.

2 commenti:

  1. Franco Tindiglia17 marzo 2015 16:39

    Condivido appieno: c'è sempre meno comunicabilità' tra le persone - si vive in uno spazio sempre più' ristretto e condizionato senza interagire con il nostro prossimo. Sembra vogliano privarci della nostra personalità', imponendoci schemi, tesi all'appiattimento delle diversità', delle iniziative personali, della fantasia, dell'inventiva. Una tendenza al subordine e alla robotizzazione forzati. " Piu' facile sottomettersi che prendere iniziative e reagire?" Il video insegna pero', che nessuno e' sopra a nessuno. Ognuno di noi, ha sempre qualcuno cui fare riferimento. Fortunatamente, quel qualcuno, non e' il Boss che si pulisce le scarpe sulla schiena del suo galoppino. " E' Qualcuno, cui tutti, un giorno dovremo rispondere!"

    RispondiElimina
  2. Caro Franco, come te anch’io distinguo due modi di vita quotidiana: quello che deve fare i conti con l’illegalità diffusa, la volgarità imperante, la furbizia eretta a sistema, il carrierismo che non si fa scrupoli di scalzare altri, l’asservimento al potente di turno …; e quello che si esprime nel nostro meraviglioso coraggio di godere insieme alle persone che ci circondano le piccole e grandi gioie quotidiane, di affrontare insieme le fatiche, le difficoltà ed i rischi del vivere, senza pretendere chissà che cosa di straordinario, trascorrendo i nostri giorni nell’impegno perseverante ad amare la nostra ed altrui esistenza. Mi pare il modo migliore per prepararci (il più tardi possibile …) all’incontro con quel “Qualcuno, cui tutti un giorno dovremo rispondere”. Ciao.

    RispondiElimina