Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

sabato 13 settembre 2014

Inno alla montagna. Una gita nella Valle Gesso.



Inno alla montagna
luogo di stupore
tempio di bellezza
memoria di gratuità

Lode alla montagna
simbolo della fatica
proiezione del desiderio
ricordo dell’infinito

Canto alla montagna
profondità dei cieli
biancore delle cime
traccia del silenzio

Grazie alla montagna
immensità antica
altezza  inaccessibile
sentimento del limite


Le splendide montagne di Entracque 
e della val Gesso...
... belle e maestose...
... si parte...
... di buona lena... 
per il rifugio Valasco...
... acque limpidissime ...
... circa 2 ore e 1/2 di cammino...
... le acque del Gesso...
... specchi di luce...
... riflessi di colori...
... amare la montagna...
... è immergersi nel mistero 
della bellezza ...
... guardare dentro...
... con il prezioso cannocchiale 
regalatomi dall'amico Franco....
... è sentire il silenzio...
...è camminare insieme ad altri...
... ecco il rifugio Valasco, metri 1764,
casa di caccia di Vittorio Emanuele II...
... siamo finalmente arrivati 
(siamo sopra il rifugio Valasco, 
verso il rifugio Questa)...
... in buona compagnia...
... contempliamo...
...lo splendore...
...la magnificenza della natura...
... riprendiamo il cammino...


Concludiamo con un piccolo, poetico pensiero di Cesare Pavese:
“Basta un colle, una vetta, una costa.
Che fosse un luogo solitario e che i tuoi occhi risalendo si fermassero in cielo.
L’incredibile spicco delle cose nell’aria oggi ancora tocca il cuore.
Io per me credo che un albero, un sasso profilati sul cielo,
fossero dei, fin dall’inizio” 
(Dialoghi con Leucò).


Chi desidera intervenire può andare qui sotto su "commenta come", nel menù a tendina selezionare "nome/URL", inserire solo nome e cognome e cliccare su continua. Quindi può scrivere il proprio contributo sul quale rimarrà il suo nome ed eventualmente, se lo ritiene opportuno, può lasciare la sua mail.


2 commenti:

  1. Franco Tindiglia13 settembre 2014 22:40

    "Inno alla montagna" - così ha inizio questo Blog. " Una Lode al Creato" -aggiungo per condividere. Il servizio fotografico, corredato da didascalia, dei nostri due escursionisti: Gian Maria e Rossana, è la testimonianza di quanto splendore ci circondi. "Quanta ricchezza nelle cose semplici" - Una bella scarpinata per raggiungere un rifugio, fermarsi per godere del silenzio, proseguire il viaggio insieme ad altri occasionali compagni, raggiungere alfine la meta stabilita: il rifugio. Un vitello fa la siesta. Le acque cristalline scorrendo a valle dissetano: flora, fauna, indigeni e visitatori occasionali. Fiori montani, larici e alte vette inebriano i loro sensi. Essi, sono stati protagonisti di un film: "Un giorno con la natura" - Produttore: la Natura stessa - Regista: il Padre Eterno - Fotografia: G.M. Zavattaro - Altri attori: gli occasionali viandanti. Costo del film - zero: la Natura esige solo il suo rispetto. Se così non è, il suo prezzo può essere per noi, molto elevato, ma se la proteggiamo, possiamo ogni giorno essere protagonisti di un nuovo film. Bravi, molto bello.

    RispondiElimina
  2. Sì, è stata una bella e felice scarpinata, gestita con leggerezza (non come l’altra al rifugio don Barbera…), e insieme immersione, meditazione, contemplazione, condivisione, fraternizzazione… Tieniti pronto, perché prima o poi, quando sarà ora, il nuovo film sarebbe bello farlo insieme.

    RispondiElimina