Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

domenica 26 novembre 2017

Tre motivi per amare la pittura di Merello.

Alla scoperta di Rubaldo Merello (1872-1922), artista ligure che emerge nettamente dall'equivoco della semplice pittura localistica.
Post di Rossana Rolando
Immagini delle opere di Rubaldo Merello. 

Tre motivi per amare la pittura di Rubaldo Merello (1872-1922), la cui opera, in mostra a Genova presso Palazzo Ducale (fino al 4 febbraio 2018), è forse ancora poco conosciuta, ma non per questo meno valida e preziosa.


Rubaldo Merello, 
Rocce e pini a San Fruttuoso

💥Primo motivo. Anzitutto la vivida bellezza e la forza espressiva dei dipinti -  intreccio di colori puri e di luce – che rivela subito uno stile, un gesto artistico immediatamente riconoscibile e inconfondibile. 
Gli ulivi e i pini di Merello. Le marine di Merello. I paesaggi costieri di Merello.
La distinzione è un valore, indica l’elaborazione di un punto di vista autentico, di un proprio sguardo sul mondo, personalissimo e unico. E, nel tempo opprimente dell’omologazione, la genuinità di una singolare prospettiva è già una bella lezione, un punto d’arrivo e una conquista per tutti.

Rubaldo Merello, 
Olivi a San Fruttuoso
💥Secondo motivo. Nei dipinti di Merello si proietta una profondità esistenziale, segnata da un grande dolore (quello mai risolto della morte del figlio), che cerca nell’arte una pacificazione altrimenti impossibile. Perciò le composizioni pittoriche dell’artista (nonché la sua opera scultorea che trova il suo apice nella rappresentazione statuaria de Il dolore) hanno tutta la forza dell’ossimoro,  fatto di luce e ombra, malinconia e gioia, densità e leggerezza, tortuosità e semplicità. Ossimori che sono il segno di una complessità della mente, tradotta, nel dipinto, in filamenti sottili (divisionismo) e manifestata nella potenza simbolica dei rimandi (simbolismo). 
Sembra allora, quando quel grumo di colori intatti si attesta al cuore emozionato di Merello, che veramente le pietre sanguinino, il cielo si sconvolga per le aurore boreali più remote, gli alberi si dissolvano in stelle filanti (Cesare Brandi, Scritti d'arte).

Rubaldo Merello, 
Pini di fronte al mare
I filosofi idealisti - per affermare l’intreccio tra elemento spirituale e materiale - hanno parlato di natura interiorizzata e di interiorità naturalizzata. Il colore, infatti, non è solo colore, ma si carica di tutta una larga gamma di emozioni; la luce non è solo luce, ma diviene esigenza di ordine, armonia e bellezza; i vari soggetti del repertorio naturalistico, spesso ossessivamente ripetuti (nelle trasformazioni cromatiche osservate in diversi momenti del giorno e dell’anno), non sono semplici presenze, ma assurgono al rango di vere e proprie cifre dello spirito, segni di un linguaggio della mente che, nella ripresa, si chiarisce e si approfondisce.

Rubaldo Merello, 
Scalinata di San Fruttuoso
💥Terzo motivo. Per chi ama la Liguria, striscia sottile di terra sospesa sul mare, la rivisitazione costante dei luoghi del Levante (Il monte di Portofino, la baia di San Fruttuoso, Camogli, Santa Margherita) costituisce un valore aggiunto. Purché ci si guardi dal relegare l’opera di Merello negli angusti confini della pittura regionale, da cui emerge (come si è notato) per il carattere simbolico - e quindi universale - della rappresentazione naturalistica e per il tratto originalissimo della sua impronta artistica.
Dentro i paesaggi merelliani – alberi, marine, cieli - c’è tutta la poesia di un pezzetto di mondo che è diventato casa, rifugio, eremo. Disegnarne e ridisegnarne i tratti significa idealizzarlo, nel senso proprio della parola, trasformando uno spazio reale in un’idea spirituale, un “luogo” fisico in una dimensione  psichica nella quale è ancora possibile vivere e abitare.

Rubaldo Merello, 
San Fruttuoso
Merello […] “voleva bene all’aria, al mare, agli alberi e dipingeva perché i colori di questo mondo sono belli” (Enrico Sacchetti).

Rubaldo Merello, 
Mattino a San Fruttuoso
Rubaldo Merello, 
Chiesa dei Carmelitani
Rubaldo Merello, 
Costa
Rubaldo Merello, 
Pini e rocce
Rubaldo Merello, 
A San Fruttuoso
Rubaldo Merello, 
Ulivi in riviera
👁👁👁👁👁👁👁👁
👁👁👁👁👁👁👁👁

11 commenti:

  1. Nella Crosiglia26 novembre 2017 11:41

    Una bella scoperta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento. Davvero un artista da scoprire.

      Elimina
  2. Basilio Buffoni26 novembre 2017 11:44

    Grande Merello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finalmente - con questa mostra di Genova - si ripropone all'attenzione del largo pubblico l'opera di un artista a lungo sottovalutato e comunque non abbastanza compreso.

      Elimina
  3. Bell'articolo. Complimenti.

    RispondiElimina
  4. ...." i colori di questo mondo sono tutti belli.. " e la mostra di Rubaldo Metello merita di essere commentata con i pensieri di Ungaretti....Prevert...Pablo Neruda ...R.Merello trasmette la sua storia e siamo noi a doverla leggere e raccontarla con la voce sottomessa che corre tra i rami...gli alberi... le foglie e la terra che " nuda e triste accoglie un sole smarrito... "
    Merello va considerato e valutato perché i colori dei suoi dipinti parlano dell' autunno...stagione che invita gli animi a guardare...meditare...ricordare...e sentire che la vita è anche una... " favola " scritta da ognuno di noi....grazie per i vostri commenti ...molto profondi sull' artista...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Teresa per questo intreccio tra poesia, pittura e riflessione esistenziale... La liricità può essere espressa in molti modi, anche attraverso semplici rami protesi tra cielo e mare. Un caro saluto.

      Elimina
  5. Dopo un encomio a Rossana per la sua instancabile ricerca di artisti meritevoli, mi soffermo ad apprezzare la tonalità di questi colori. al di sopra di tutto il mare, reso magnificamente e reso simbolo di un “ andare oltre “.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie caro amico. Hai ragione: i colori sono la forza segreta del linguaggio pittorico di Rubaldo Merello. Colori e luce...(sto pensando al tuo bellissimo prossimo post: Luce e ombra. Continuità nella discontinuità).

      Elimina
  6. GRAZIE PER IL BELLISIMO "SPACCATO" ARTISTICO SU UBALDO MERELLO,UN'ARTISTA CHE MERITEREBBE DI ESSERE PIU' CONOSCIUTO E, TU NE DAI VALIDO CONTRIBUTO CON INFORMAZIONI E FOTO DEI BEI DIPINTI DALLE CROMIE VIVACI E DAGLI ANFRATTI PROPRI DELLA COSTA LIGURE! pittrice Susanna Galbarini PITTURARTISTICA Sito e Blog omonimi in profilo GOOGLE+connesso in COMMUNITY ARTITICA CULTURALE https://plus.google.com/+SusannaGalbariniartista

    RispondiElimina