Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

martedì 22 maggio 2018

Inno alla primavera.

Piccolo post dedicato ai profumi, ai colori, alla luce della primavera.
Post di Gian Maria Zavattaro
Immagine del dipinto di Claude Monet, Tempo di primavera. 

Primavera non bussa, lei entra sicura, 
come il fumo lei penetra in ogni  fessura. 
Ha le labbra di carne, i capelli di grano
che paura, che voglia che ti prenda per mano, 
che paura, che voglia che ti porti lontano
 (Fabrizio De André, Un chimico).

Claude Monet. Tempo di primavera, 1872.

“Tu cosa fai veramente?”.
L’eremita rispose:
“Vivo qui”.
Vivere qui è una chiamata, l’opera di una vita,
ma anche la cosa più basilare che si possa immaginare.
Prima di ogni altra cosa noi viviamo sulla terra;
viviamo nell’ambiente che ci attornia.
(E. Theokritoff, Abitare la terra).

La natura ogni anno, ogni primavera, si risveglia umile e silenziosa. Si ripresenta nella sua veste più delicata: splendore di gemme, di fiori, di intensi colori. Vorremmo trattenerla questa stagione in cui tutto rinasce e germoglia, vorremmo fermarla, rimanere in questo incanto. Ma è come un battito d’ali.
Ci ricorda che questa terra è luogo in cui soggiornare, è casa da abitare, ma è anche transito e passaggio. Ci dona bellezza, ma ci dice che questa bellezza non ci appartiene. E’ tutta per noi, ma non è nostra.
Ci richiama alla fraternità universale con tutte le creature: con gli animali, con le piante, con tutti gli esseri.
Per gli spiriti religiosi è rimando alla Trascendenza. Per chi avverte il dono della vita  è sorella e madre. Per chi conosce il senso del dovere è luogo di cui essere responsabili, un giardino da custodire e da coltivare.

🌟🌟🌟🌟🌟🌟🌟🌟🌟🌟 
🌟🌟🌟🌟🌟🌟🌟🌟🌟🌟

14 commenti:

  1. Nella Crosiglia22 maggio 2018 10:28

    Raffinato.

    RispondiElimina
  2. Chiara Dalmata22 maggio 2018 10:42

    Bella! Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un grazie ricambiato per il gentile apprezzamento!

      Elimina
  3. Aria leggera, frizzante, come una giornata di Primavera!
    (Non ....brillantissima, oggi, qui)

    RispondiElimina
  4. Anche qui da noi non brillantissima. Per tutta la notte ci ha cullato la pioggia. Ma pioggia di primavera, di speranza e di attesa. Un caro saluto, Gian Maria e Rossana.

    RispondiElimina
  5. Mariangela Romanisio22 maggio 2018 13:32

    Grazie del post primaverile!
    Mi associo col tributo di un mio haiku:

    nuovo sorriso
    fioritura di gemme
    torna e ci abbaglia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'haiku condensa - nella efficace stringatezza del componimento - la rinascita "abbagliante" della natura e della vita in ogni sua forma. Grazie per averlo scritto qui. Buona serata.

      Elimina
  6. grazie per questo meraviglioso poetico scritto
    e grazie del dono che siete voi. sì. tutto il creato canta la primavera
    davvero battito d'ali e Bellezza, non possesso. buona primavera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giamma e Rossana, amici cari, il post di Gian Maria celebra la primavera e sembra indulgere alla spensieratezza . Piuttosto è la cebrazione della Vita, che rispunta con i suoi fiori e colori, ma , come canta de Andre’, un “ chimico” non riesce a combinare, con il giusto mix di Dolore e Gioia. De Andre’, che è poeta a tutti gli effetti, lamenta soprattutto che la combinazione, umanamente riuscita una volta, non si può ex abrupto ricreare per via artificiale. Impegnativo è il modo umano di “ abitare la Terra” e discernere il valore delle cose, il significato “ oltre” di colori e canti, della Primavera ricorrente.🌈🍃🍀

      Elimina
    2. Gentile Roberta, il dono del dialogo è reciproco e la primavera, come ogni altra bellezza del creato, si gode e si respira insieme. Buon pomeriggio!

      Elimina
  7. Caro Rosario, nel gergo comune gli anni si computano come primavere, forse perché primavera – come tu suggerisci – significa ri-nascita, ri-creazione, insieme attesa e anelito di una vita che sa rifiorire dai propri “inverni” e riscoprire la “spensieratezza” , intesa come liberazione da pensieri cupi. Due grandi abbracci.

    RispondiElimina
  8. Monet, le splendide parole di De Andrè, la rinascita esteriore ed interiore: passaggi nel tempo verso una Trascendenza? La fraternità universale, il giardino terrestre e tutte le sue creature sono valori da coltivare e custodire comunque ... Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello condividere orizzonti e valori, specie in questi tempi... Grazie e buona serata.

      Elimina