Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

domenica 24 agosto 2014

L'Amicizia, bene raro da custodire.

A tutti coloro 
che coltivano l'Amicizia

Nel nostro ultimo viaggio a Firenze abbiamo visitato la mostra dedicata al Pontormo e al Rosso Fiorentino, due pittori del manierismo cinquecentesco, entrambi provenienti dalla scuola di Andrea del Sarto. Ricordiamo questa mostra, rimasta aperta fino al 20 luglio, presso Palazzo Strozzi, per la qualità e la bellezza delle opere esposte.
In questo post vorremmo provare a parlare di un tema che ci sta a cuore – il tema dell’Amicizia – proprio a partire da un’opera del Pontormo (Jacopo Carrucci, detto il Pontormo, 1494-1557) da cui siamo rimasti molto colpiti: la Visitazione di Carmignano, un dipinto che ha come protagoniste Maria ad Elisabetta.
 
Lo sfondo delle amicizie. 
Nel quadro: non c’è uno sfondo preciso. Probabilmente una via cittadina, avvolta nell’oscurità … non proporzionata rispetto alle figure che risaltano in primo piano. La scena scelta dal Pontormo richiama alla mente le piazze di Giorgio De Chirico e della pittura metafisica, paesaggi che ci collocano al di là del tempo e dello spazio.

La visitazione, disegno preparatorio.
Commento: ogni nostra amicizia ha uno sfondo, un contesto in cui nasce e si sviluppa: ci sono amicizie giovanili e amicizie adulte, amicizie di lavoro, amicizie d’interesse … vere e false amicizie, amicizie durature o passeggere, amicizie fedeli e amicizie tradite...
Le amicizie sono molteplici, hanno svariati significati … ma indipendentemente dal contesto in cui nascono, dal tempo e dallo spazio in cui si collocano,  vanno a costituire - nella figura della presenza o dell'assenza - l’esperienza di tutti gli uomini. L’amicizia fa parte della nostra vita, anche quando ci manca:
«senza amici nessuno sceglierebbe di vivere, 
anche se possedesse tutti gli altri beni»
(Aristotele, Etica nicomachea). 

I contenuti dell'Amicizia.
Nel quadro: l’incontro tra Maria ed Elisabetta esprime alcuni contenuti profondi dell’Amicizia. Le due donne si incontrano, si guardano intensamente senza parlare, si abbracciano, stanno l’una di fronte all’altra. 

La visitazione, particolare.

Commento: l’Amicizia autentica è una grande avventura, un incontro tra persone, sempre nuovo, sempre inaspettato …; è intensità dello sguardo, il guardarsi dentro: ciò che fonda l’Amicizia è la condivisione della propria interiorità, l’attrazione per la bellezza interiore dell’amico/a e per la bellezza della relazione che rende bella la nostra vita; è uno stare faccia a faccia, non davanti, non dietro, ma a fianco …; è l’esperienza della gioia e della gratuità: l’Amicizia si dona, non si compra, non si pretende, non si ottiene …; nell’Amicizia si vuole il bene dell’altro e si avverte che l’altro vuole il nostro bene:
«perciò amici per se stessi ...
lo sono solo i buoni,
infatti i cattivi non godono di loro stessi,
se non sorga una qualche utilità»
(Aristotele, Etica nicomachea).

Le insidie dell'Amicizia. 
Nel quadro: dietro Maria ed Elisabetta ci sono due spettatrici.  Non si guardano tra loro, ma guardano fuori, verso di noi. Chi sono? Sembrano ancora Maria ed Elisabetta, sorta di doppio dei due personaggi principali. 


La visitazione, particolare.
Commento: le due figure potrebbero rappresentare i potenziali nemici dell'Amicizia:
- il nostro essere incapaci di vedere quello che l’altro sta vivendo e soffrendo e quindi il rimanere fuori, spettatori della relazione ormai svuotata di significato …
- il nostro retro pensiero che non comunichiamo all’altro, che ci divide dall’altro e che a poco a poco ci allontana …
- il silenzio di quello sguardo muto che non incrocia più quello dell’altro. 
Ma le due spettatrici potrebbero - più luminosamente - rappresentare le medesime due protagoniste che osservano se stesse, che vigilano sulla loro Amicizia. E allora potremmo pensare che il senso della loro presenza  sia questo: l’Amicizia non è un bene acquisito una volta per tutte, è un dono che va rinnovato, ricostruito giorno dopo giorno, non dato mai per scontato, pena la possibilità di perderlo, di sfibrarlo, di smarrirlo nella sua intensità e nel suo significato.

Post e iconografia di Rossana Rolando.

Nessun commento:

Posta un commento