Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

martedì 10 dicembre 2013

L'asino e il bue. Favola.

In questo racconto di Natale gli animali, come spesso accade nelle favole di ogni tempo - da Esopo a La Fontaine -, assumono un significato simbolico, antropomorfico, divenendo gli strumenti di un messaggio morale.  

Essi, però, rappresentano anche un mistero nel loro stesso esserci. La loro esistenza non è semplicemente finalizzabile all’uomo: sono mute creature che ci accompagnano, che sentono e soffrono, che forse avranno, come noi, un loro destino di salvezza …


Parigi, arazzo 
(La dama e l'unicorno).

...Amate gli animali, Dio ha dato loro un principio di pensiero
e una gioia senza inquietudine. 
Non li turbate, non li tormentate, non togliete loro la gioia, 
non andate contro l'intenzione di Dio.
Uomo non ti esaltare al di sopra degli animali.
(Dostoevskij, I fratelli Karamazov)


Si racconta che....


Un angelo ....
(Beato Angelico)
Mentre Giuseppe e Maria erano in viaggio verso Betlemme, un angelo radunò tutti gli animali per scegliere i più adatti ad aiutare la Santa Famiglia nella stalla.  

... radunò tutti gli animali per scegliere i più adatti ad aiutare la Santa Famiglia ...
(Edwuard Hicks)

Per primo, naturalmente, si presentò il leone. 
«Solo un re è degno di servire il Re del mondo», ruggì 
«io mi piazzerò all'entrata e sbranerò tutti quelli che tenteranno di avvicinarsi al Bambino!». 
«Sei troppo violento»,
disse l'angelo. 

... si presentò il leone ... (Edwuard Hicks)

Subito dopo si avvicinò la volpe. Con aria furba e innocente, insinuò: 
«Io sono l'animale più adatto. Per il figlio di Dio ruberò tutte le mattine il miele migliore e il latte più profumato. Porterò a Maria e Giuseppe tutti i giorni un bel pollo!» 
«Sei troppo disonesta», 
disse l'angelo. 

... porterò tutti i giorni un bel pollo... 
disse la volpe ...
(Gerolamo Bassano)

Tronfio e splendente arrivò il pavone. 
Sciorinò la sua magnifica ruota color dell'iride: 
«Io trasformerò quella povera stalla in una reggia più bella del palazzo di Salomone!». 
«Sei troppo vanitoso», 
disse l'angelo.

... passarono uno dopo l'altro tanti animali, 
ciascuno magnificando il suo dono ...
(Edwuard Hicks)

Passarono, uno dopo l'altro, tanti animali ciascuno magnificando il suo dono. 
Invano. 
L'angelo non riusciva a trovarne uno che andasse bene. 
Vide però che l'asino e il bue continuavano a lavorare, con la testa bassa, nel campo di un contadino, nei pressi della grotta. 
L'angelo li chiamò: 
«E voi non avete niente da offrire?».


... E voi non avete niente da offrire? .... 
(Bartolomeo Caporali)
«Niente», 
rispose l'asino e afflosciò mestamente le lunghe orecchie, 
«noi non abbiamo imparato niente oltre all'umiltà e alla pazienza. Tutto il resto significa solo un supplemento di bastonate!».
Ma il bue, timidamente, senza alzare gli occhi, disse: 

«Però potremmo di tanto in tanto cacciare le mosche con le nostre code». 
L'angelo finalmente sorrise: 
«Voi siete quelli giusti!».

.... potremmo cacciare le mosche ....
(Giotto)

... voi siete quelli giusti ... disse l'angelo ...
(Giotto)

(Bruno Ferrero, Perché nella grotta c'erano l'asino e il bue, in Tutte le storie, Ed. Elledici).

Nessun commento:

Posta un commento