Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

mercoledì 8 aprile 2015

Primavera e cura della terra.


Un racconto riferisce di un eremita cui uno zelante visitatore chiese:
“Tu cosa fai veramente?”.
L’eremita rispose:
“Vivo qui”.
Vivere qui è una chiamata, l’opera di una vita,
ma anche la cosa più basilare che si possa immaginare.
Prima di ogni altra cosa noi viviamo sulla terra;
viviamo nell’ambiente che ci attornia.
(E. Theokritoff, Abitare la terra).

Il risveglio ...
... della primavera.
La natura ogni anno, ogni primavera, si risveglia umile e silenziosa. Si ripresenta nella sua veste più delicata: splendore di gemme, di fiori, di intensi colori. Vorremmo trattenerla questa stagione in cui tutto rinasce e germoglia, vorremmo fermarla, rimanere in questo incanto. Ma è come un battito d’ali.

La terra si ammanta ...
... della sua veste più bella.
Ci ricorda che questa terra è luogo in cui soggiornare, è casa da abitare, ma è anche transito e passaggio. Ci dona bellezza, ma ci dice che questa bellezza non ci appartiene. E’ tutta per noi, ma non è nostra.

Tutta per noi ...
... ma non è nostra.
Ci richiama alla fraternità universale con tutte le creature: con gli animali, con le piante, con tutti gli esseri.
Per gli spiriti religiosi è rimando alla Trascendenza. Per chi avverte il dono della vita  è sorella e madre. Per chi conosce il senso del dovere è luogo di cui essere responsabili, un giardino da custodire e da coltivare.

Un giardino da custodire ...
... e da coltivare.
Eppure questo giardino lo abbiamo violato e ferito. Sappiamo oggi tutta la prepotenza dell’azione umana, la nostra arroganza nei confronti della natura e della terra. Ci chiediamo se è possibile fermare questa opera distruttiva. Ci domandiamo se possiamo educarci ad un nuovo senso di responsabilità individuale e comunitaria per consegnare alle generazioni future una terra ancora abitabile.

Per un battito d'ali.
Proponiamo questo video che ci ha molto colpito e ci ha indotto ad elaborare questo breve post.
Si consiglia di mettere in pausa la musica del blog prima di avviare il video.



Chiunque, tra gli amici o le persone interessate, voglia seguire le nostre pubblicazioni sul blog e ricevere l’avviso tramite facebook, può cliccare sul mi piace della pagina Persona e Comunità di facebook e, nella tendina che si apre, sul “ricevi le notifiche”. Grazie a tutti.

Nessun commento:

Posta un commento