Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

domenica 30 agosto 2015

Auguri a tutti i docenti. Con Gennaro Vallifuoco.


...la gente non crede a chi non ama…
(Don Lorenzo Milani)

La gente non crede 
a chi non ama... 
(Gennaro Vallifuoco, 
L'innamorato 2010 
omaggio 
a Marcel Marceau)

Auguro a tutti i docenti
la gioiosa e sofferta avventura di:
  • insegnare (Insĭgnare, imprimere segni nella mente e nel cuore) ed educare (ex-ducere, condurre fuori dalla frammentazione, dal  caos, dall’insignificanza)
Auguro di...

 
Insegnare... condurre fuori 
dalla frammentazione... 
(Gennaro Vallifuoco, Impraticabile)
  • testimoniare che la coerenza degli adulti è la prima forma dell’azione educativa nell’eterno incontrarsi delle generazioni.
...lasciare segni, orme... 
indicare il cammino...
(Gennaro Vallifuoco, 
For ever young Giffoni 
film festival 2013)
  • vivere ogni giorno la passione di educare, volendo che ciascun alunno apprenda conoscenze e strumenti critici indispensabili per assegnare un significato personale al proprio essere nel mondo, per costruire la propria identità e le proprie relazioni, per progettare l’avvenire e contribuire allo sviluppo della società.
...rendere ciascuno 
capace di costruire la propria identità...
il proprio essere nel mondo 
(Gennaro Vallifuoco, 
Artista in scena)
  • ogni giorno vivere e far vivere l’ora di lezione di qualsiasi disciplina  come  un avvenimento irripetibile,  sognando con i propri studenti  un mondo che non c’è e non cedendo al ricatto del  disincanto.

    ... vivere "l'avvenimento" dell'ora di lezione ...
    (Gennaro Vallifuoco, L'oracolo 2009 
    omaggio a Giorgio De Chirico)
  • costruire ogni giorno  una scuola con una sua specifica anima segnata dalle aspirazioni, dai progetti, idee, ideali, valori condivisi nella compartecipazione di tutte le componenti scolastiche
... dare un volto alla scuola... 
(Gennaro Vallifuoco, 
Sipario dipinto del Teatro Comunale 
Carlo Gesualdo di Avellino, particolare)
  • vivere la scuola come luogo-tempo dell’incontro autentico con i colleghi, specie nei consigli di classe e nel collegio dei docenti.
  • essere guidati da  un/a dirigente scolastico/a, che eserciti la sua funzione con discernimento, saggezza e competenza, sapendo vivere il suo ruolo come “funzionario di libertà”.
... fare della scuola un luogo 
dove è "bello" incontrarsi... 
(Gennaro Vallifuoco, 
Teatri di verzura)
  • costruire ogni giorno una scuola che sappia opporre la lentezza all’ossessione della società liquida per le vite di corsa, per l’inseguimento competitivo ed  arrogante; una scuola che testimoni che quando si va lenti il mondo acquista un’impensabile ricchezza fatta di gratuità, letture, poesia, meraviglia, bellezza.
... recuperare la dimensione della lentezza... 
del pensare, del leggere, del sentire... 
(Gennaro Vallifuoco, 
Foyer del Teatro Carlo Gesualdo di Avellino, 
particolare)
  • mantenere le proprie promesse formative, senza mai indiscriminatamente distribuire il sapere  a studenti disuguali che hanno diversa cultura personale e familiare, nella consapevolezza che ogni studente non può e non deve venire pregiudicato  da un pensiero “predittivo”.

... guardare ciascuno 
nella sua singolarità ed unicità... 
(Gennaro Vallifuoco, 
Allegoria dei mesi, Aprile)
  • valutare di ogni allievo “non quanto le sue spalle siano ancora inadeguate, ma quanto un giorno si dimostreranno robuste”.
...lavorare per il futuro... 
(Gennaro Vallifuoco, 
Luna con albero della vita)
  • ai giovani insegnanti:  ardere  di  entusiasmo nell'educare alla cittadinanza attiva europea, nell'accogliere chiunque nell'ottica della reciproca ospitalità, opponendo solidarietà ed inclusione al rifiuto del diverso, all'indifferenza, all'intolleranza ed alla sfiducia dilagante.
  • agli  ultracinquantenni:  vivere la scuola come una irripetibile opportunità  di dialogo, aiuto, ascolto, condivisa tensione alla legalità ed alla corresponsabilità; tempo  dove più generazioni condividono gli stessi spazi e non vivono in mondi diversi, dove  "i Professori ci sono", presenti, attenti ed interessati a quel che accade davvero tra i banchi di scuola.

... a tutti i docenti l'augurio 
di trasfigurare l'oscurità in luce...
(Gennaro Vallifuoco, 
Allegoria della notte)
  • intessere un  rapporto fiduciario ed un patto sociale di corresponsabilità con il territorio, la città, il paese in cui la scuola è inserita.
  • dialogare con  famiglie e  genitori che siano consapevoli del  ruolo difficile e delicato degli insegnanti e siano capaci di una costante presenza collaborativa e non   iperprotettiva dei  propri figli.
... costruire ponti... intessere dialoghi... 
(Gennaro Vallifuoco, Il sogno di Itamar 2007 
omaggio a David Grossman)
  • essere testimoni  nella scuola e  sul territorio di speranza, cuore della paideia; non  rassegnarsi ad essere comunità sonnolenta e  “non dimenticare che si può  guardare il cielo”.
...per fare della scuola 
un luogo di speranza... 
(Gennaro Vallifuoco, 
Il violinista)
Anche in questo secondo post – dopo il primo dedicato agli studenti - abbiamo scelto di accompagnare lo scritto con le figure create da Gennaro Vallifuoco che gentilmente, con calore e partecipazione, ci ha autorizzato a farlo. Volutamente abbiamo inserito immagini di opere molto diverse che permettono di intravedere – oltre l’immediata godibilità di un mondo onirico, poetico e fiabesco, sospeso nello spazio e nel tempo – la molteplicità di ispirazioni e di legami ideali che spaziano dalla cultura teatrale popolare e alta alla tradizione italiana della pittura, con particolare riferimento alla pittura metafisica di De Chirico, fino alla grande letteratura… Per chi desidera avvicinare la personalità e l’opera dell'artista consigliamo di prendere visione del video cliccando qui.

2 commenti: