Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

domenica 27 dicembre 2015

Noi e la strage degli innocenti, con Grazia Le Mura.

Dalla pagina facebook 
di Grazia Le Mura, 
Missionaria in Burkina Faso
(foto ripresa 
da Silvestro Montanaro)
La strage degli innocenti ogni giorno pare espandersi con insolenza oltre ogni immaginazione. Ogni giorno i media ci offrono lo “spettacolo” di questa progressione: sterminio di civili inermi, bimbi falciati nelle acque del Mediterraneo, volti della desolazione, continue guerre ed atti di violenza, ingiusta fame, inique malattie, inutili sofferenze... Una sfida alla speranza, tanto più quando il male sembra trionfare anche in coloro che dovrebbero contrastarlo,  tanto più se  viene da noi stessi…
Dalla pagina facebook 
di Grazia Le Mura, 
Missionaria in Burkina Faso
Che cosa possono fare persone irrilevanti come me e tanti miei amici? Quali speranze possiamo coltivare, noi che contiamo ben poco, per un mondo liberato da questi scandali quotidiani? 
“Quando piangeremo con coloro che piangono perché è morto un bimbo che poteva  non morire, perché un uomo mutilato poteva non esserlo, perché un uomo ha passato in carcere venti anni che avrebbe potuto non passare, allora forse, sapremo sperare” *.

Dalla pagina facebook 
di Grazia Le Mura, 
Missionaria in Burkina Faso
Non conosco alternativa a questo modo  di sperare: piccoli e grandi gesti quotidiani di compartecipazione, concreta espressione del modo  di vivere il nostro cammino storico, senza lasciarci scoraggiare. Speranza  che non si adatta al male esistente; speranza che è inquietudine  insoddisfatta, sempre al di là, senza dimora permanente; speranza nell' “oggi escatologico”, in ideale comunione  con migliaia e migliaia  di persone che ogni giorno ricercano in questo nostro mondo tutte le possibilità del Dio della promessa. Come ad esempio nel tormentato Burkina Faso....

Dalla pagina facebook di Grazia Le Mura, 
Missionaria in Burkina Faso.

Luminosa testimone del nostro tempo...
Grazia Le Mura 
in mezzo alla gente 
con cui condivide la vita.
Grazia Le Mura è una sociologa italiana che vive e opera in Burkina Faso a servizio dei più poveri e principalmente di bambini abbandonati e spesso malati. Prima di partire per questo viaggio con “un solo biglietto di andata”, nel 2004, ha ricoperto ruoli di docenza e di ricerca, scrivendo libri in collaborazione con la San Paolo. Oggi continua a scrivere per dare voce alla “muta sofferenza dei bambini” e cercare di parlare del loro “indicibile dolore” perché - come si legge nel suo Emmanuel: il volto della povertà** – “non si può sopportare che un bambino soffra o muoia per fame o per malattie curabili in tutto il resto del mondo”. 

Per chi desidera approfondire la figura e l’opera di Grazia Le Mura – che ringraziamo di cuore per averci accordato il permesso di pubblicare le immagini della sua pagina facebook - rimandiamo al sito dell’Associazione che ne sostiene l’iniziativa: Tante mani per... uno sviluppo solidale e al bell’articolo di Golem che ne traccia il profilo.
 *   M. Delbrel, Noi delle strade, Gribaudi, 1995, p. 274.
 ** Per le notizie sul testo citato di Grazia Le Mura si può consultare  questa pagina web.
 

Nessun commento:

Posta un commento