Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

lunedì 22 dicembre 2014

Figure del Natale. Quarta figura: flores de Nochebuena.


Il Natale cade nella stagione più fredda dell'anno, 
ma celebra il calore della vita...
... anche attraverso le piante ...
Il Natale è un inno alla vita anche attraverso le piante: 
- piante sempreverdi,  le quali visivamente testimoniano che la vita nel cuore dell’inverno è soltanto nascosta e tornerà a fiorire: l’abete, per antonomasia l’albero di Natale; le corone intrecciate di pino;  le ghirlande di alloro illuminate da  quattro  candele, una per ogni settimana di Avvento; il vischio appeso alle porte, segno di amore e prosperità, il muschio del presepe …


... dall'albero di Natale ...

... alle ghirlande ...
- E poi le “stelle di Natale” che ovunque abbelliscono  e decorano luoghi diversissimi, le nostre chiese e le nostre case, le mense dei poveri,  negozi, centri commerciali, strade colme di luminarie: simboli ambigui e contradditori - a seconda della loro collocazione- di un’atmosfera natalizia da troppi interessi inquinata. Eppure le stelle di Natale, “flores de Nochebuena”, le cui origini sono messicane, non nascono all’ombra del consumismo.

... ma soprattutto le stelle di Natale ...
... che ornano le nostre case...
Si racconta che...
 
... si racconta che la piccola Paquita...
Narra la leggenda che, la sera della vigilia di Natale, mentre gli altri  bambini messicani si recavano ad offrire i loro fiori più belli a Gesù Bambino,  la piccola Paquita si struggeva  dal dolore di non poter offrire nulla, neppure un misero fiore e non voleva  entrare in chiesa con gli altri bambini a mani vuote.

... mentre gli altri bambini accorrevano 
al Presepe per offrire i loro fiori....
... si racconta che la piccola Paquita 
avesse solo un ciuffo d'erba...
Poi all’improvviso si decide, racimola ciuffi di erba lungo la strada, ne fa un mazzetto con  il nastro  rosso con cui fermava i suoi capelli e lo depone in chiesa tra il silenzio attonito e forse anche qualche sorriso di scherno degli altri bambini. 
... legò l'erba col suo nastro rosso...
Sta per allontanarsi piangendo, ma una  lacrima cade sull’umile mazzetto, che - ecco! - si trasforma in splendida pianta dalle  foglie rosse…

... vi lasciò cadere una sua lacrima...
... e l'erba si trasformò in una stella...
Chi desidera intervenire può andare qui sotto su "commenta come", nel menù a tendina selezionare "nome/URL", inserire solo nome e cognome e cliccare su continua. Quindi può scrivere il proprio contributo sul quale rimarrà il suo nome ed eventualmente, se lo ritiene opportuno, può lasciare la sua mail.

Nessun commento:

Posta un commento