Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

mercoledì 26 febbraio 2014

Chi custodirà i custodi?

       Quis custodiet ipsos custodes? 
 (Chi custodirà i custodi stessi?)
Giovenale, VI Satira. 
Alle prossime elezioni ...
  
... vogliamo interessarci ...

Le prossime scadenze elettorali  ad Albenga  ed in Europa ci ricordano che la “politica” è FUNZIONE COMUNE A TUTTI e non può non interessare tutti, perché essa condiziona (promuove o soffoca) tutta la vita delle persone e delle organizzazioni nel loro quotidiano impegno sociale, assistenziale, professionale. 
... per non essere come pecore ...
Ben consapevoli, mia moglie ed io,  della nostra insignificante valenza politica di cittadini, non vogliamo tuttavia cadere nel tranello delle etichette e degli slogan,  non vogliamo essere lo strumento o la truppa cammellata di nessuno.
.. e rischiare di finire come pecore ...  
(immagine di Armando Milani)
Siamo e vogliamo essere  cittadini, in sintonia con tante altre donne ed uomini perfettamente liberi che, al di là delle diversità di parte e di fede, innanzitutto si prefiggono di conoscere e praticare tutta la verità niente altro che la verità, desiderosi di accordarsi su una visione della società il cui fondamento siano la persona e la solidarietà sociale; uomini e donne disposte a dialogare tra loro senza ipocrisie e senza cedimenti, accomunati dal disgusto del compromesso e della viltà intellettuale; donne ed uomini liberi che credono nel valore della legalità e della cittadinanza e vogliono promuovere la gioia di creare e produrre per la collettività, senza vantaggi personali; donne ed uomini che non si possono ingannare o sedurre con due  paroline e tre promesse in croce. 
... non vogliamo lasciarci manipolare ...
Ai candidati che pensano  di fare gli interessi di lobbies nascoste, di categorie privilegiate, di speculatori incalliti, chiediamo di cercarsi un’altra città e comunque ci ripromettiamo di rompere loro per bene le scatole  e di gridare  ai quattro venti, in ogni modo legale possibile, lo scandalo delle loro elezioni.
... non vogliamo tacere ...
 Il governo della città in particolare è cosa troppo importante per limitarci ad una delega in bianco  della nostra fiducia e dei nostri diritti di cittadini, senza richiedere precise garanzie e senza scrutare sino in fondo il volto e le promesse dei candidati.

... vogliamo sorvegliare ...

Mentre assistiamo già da tempo a manovre sotterranee di accalappiamento preventivo di consensi e di voti, val la pena, per quanto ci compete, essere subito  chiari, molto chiari. 
Noi ed i nostri amici riteniamo che ci siano  punti irrinunciabili sui quali i prossimi candidati dovranno o dovrebbero accuratamente riflettere, in un momento in cui  sono  intollerabili la grettezza, il tornaconto personale,  l’indifferenza. Quali sono questi (per noi) irrinunciabili punti? Lo dichiareremo, ma solo dopo aver verificato dai programmi dei candidati se anche per loro  lo sono. Allora potremo responsabilmente rispondere alle domande: Chi votare? Perché votare?  Che cosa votare?
... vogliamo vigilare ...


Chi desidera intervenire può consultare il post del 22/10/13 oppure semplicemente andare qui sotto su "commenta come", nel menù a tendina selezionare "nome/URL", inserire solo nome e cognome e cliccare su continua. Quindi può scrivere il proprio contributo sul quale rimarrà il suo nome ed eventualmente, se lo ritiene opportuno, può lasciare la sua mail.  








2 commenti:

  1. Il problema dei custodi è molto antico. Sull'Abbagnano-Fornero la famosa frase di Giovenale viene usata come titolo per il paragrafo sui custodi della società platonica. "Nessuno dovrà custodirli, se saranno davvero Filosofi" risponde Platone. Non possiamo che augurarci che sia così anche nel mondo moderno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... “se saranno davvero filosofi”… : come eros, figli e figlie di povertà e ricchezza, capaci di ricercare senza condizionamenti il bello ed il vero. In una ricerca inconclusiva. Utopia? Diciamo speranza per l’Italia ed Albenga (e forse anche per Loano).

      Elimina