Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

giovedì 1 maggio 2014

Come sarà Albenga alla vigilia del 2020?


C'era una volta un pifferaio magico ...

Come sarà Albenga alla vigilia del 2020, dopo l’esperienza della nuova amministrazione vincitrice delle elezioni di maggio? Un 2020 minaccioso oppure gravido di promesse?

... aveva promesso di portare tutti 
in un futuro migliore ...

Sfogliando i programmi elettorali dei vari schieramenti  in lizza,  ne abbiamo apprezzati particolarmente due per l'insieme delle proposte  e promesse,  coerenti con i principi ispiratori di ognuno, aperte a convincenti  visioni ed  ampi orizzonti, tali da far pensare ad un’Albenga del 2020 veramente diversa e qualitativamente migliore rispetto a quella di oggi.  Speriamo ovviamente che non ci si limiti a proclami roboanti che rischiano di essere unicamente scatole vuote di una strumentale lista delle spese. Infatti ciò che  in generale ci sembra mancare  nei vari programmi o forse ciò che noi, nella nostra incapacità, non abbiamo saputo cogliere,  è come le promesse contenute nei programmi si concretizzeranno in efficaci piani attuativi e quali saranno le irrinunciabili priorità.

Qualche esempio, sotto forma di interrogativi.

Come  sarà la qualità della vita cittadina?

... aveva promesso 
una città attenta ai più deboli...
- i quotidiani incontri tra cittadini/e diversi/e per fede, ideologia, etnia e soprattutto censo; le relazioni tra le persone;  la condizione dei giovani e delle donne;
- la promozione dei servizi sociali e della salute, con attenzione specifica agli indigenti, agli anziani soli o non autosufficienti, ai disabili;
- la partecipazione democratica;
- la burocrazia comunale  veramente a servizio di noi cittadini...

Come si situerà Albenga rispetto all’Europa? 

... aveva promesso un paese in cui tutti 
si sarebbero sentiti accolti e integrati ...
- quale prospettiva culturale e quali azioni coerenti avviate
- quale integrazione:  una società aperta, plurale e interculturale, oppure una città segnata da un razzismo sornione che non accorda dignità a codici  differenti e rende problematico qualsiasi dialogo...

Quali cambiamenti saranno stati apportati ?

... aveva promesso grandi cambiamenti 
delle comunicazioni, dei trasporti... 
del centro storico ...

- all’ambiente, all’uso dell’energia;
- alle comunicazioni extraurbane con il territorio, al traffico urbano, piste ciclabili, trasporto pubblico, manutenzione ordinaria e straordinaria di strade  viali giardini e, per quanto di competenza del Comune, ferrovia, aeroporto di Villanova; 
-  al campus scolastico;
-  al centro storico e ai centri antichi delle frazioni...

Che cosa sarà stato fatto?

... aveva promesso una città 
in cui non sarebbe mancato il lavoro 
e tutti avrebbero potuto sviluppare le loro attività ...

- per lo sviluppo delle attività economiche ingaune, per la filiera agro-alimentare;
- per un efficace osservatorio permanente capace di  creare sviluppo e lavoro ai giovani;
- per assicurare alla città fonti certe di finanziamento (fondi regionali, nazionali, europei, privati…);
- per rilanciare il   marchio territoriale di Albenga  e strategie di marketing territoriale mirate alle zone di turisti potenziali (es. Piemonte, Francia, Germania,  Olanda, Russia…);
- per il   coinvolgimento  delle varie associazioni ingaune  volte a  cooperare sia alla promozione dei prodotti e dei servizi locali sia  a  progetti di animazione culturale (letteraria, artistica, teatrale, musicale)  e di attrazione verso il centro storico...

Perchè c'è un pressoché generale silenzio?

.... aveva promesso di liberare 
la città dai mali che la infestavano ...

-  sulla destinazione permanente o temporanea delle aree dismesse e dei  locali inutilizzati;
- sulla riduzione della  burocrazia  e la semplificazione dei regolamenti comunali;
- sulle modalità di premiazione dei comportamenti virtuosi dei cittadini;
- sugli stipendi e sull'assegnazione dei "premi" di produttività ai dirigenti comunali;
- sulla  riqualificazione delle memorie  del nostro passato e delle nobili vestigia nascoste nel sottosuolo, da riportate alla luce  in forme ecocompatibili e polivalenti ( es.: recupero visivo dei resti della chiesa medievale sepolti in piazza delle erbe...)...

Infine quanti hanno  avuto il coraggio?

... aveva promesso di liberarla 
dalle ingiustizie che la opprimevano ...
- di prevedere rimodulazioni realistiche  dell’imposizione fiscale, per quanto di competenza comunale, secondo  criteri di progressività del reddito;
- di esplicitare il problema dell’aggiornamento delle  rendite catastali non correttamente censite, del   recupero  dei  casi evidenti di evasione fiscale, dell’eliminazione degli  sprechi di una gestione poco attenta...  
Solo in due casi abbiamo apprezzato la volontà di mostrare i conti fino all'ultimo centesimo. Ma come si possono richiedere ai cittadini sacrifici e compartecipazione senza rendere del tutto trasparenti   entrate e spese  in rapporto alla qualità del servizio reso?

... riuscì nel suo intento?... 
quello di portare tutti 
in un nuovo futuro? ...
Per carità, nessuno si aspetta la trasformazione di Albenga in  pochi anni in un novello Eden  o, più laicamente,  nella  campanelliana “Città del sole ” o nella baconiana ” Nuova Atlantide”! 
Ma via..., non è forse un'utopia possibile camminare tutti insieme   "verso una città costruita collettivamente, accogliente e giusta, amabile con i bambini e i vecchi, dove apprendiamo a vivere con la nostra coscienza" (Mockus)?

... alcuni sostengono che non ci riuscì ... 
poiché il suo progetto 
era utopico e inattuabile ...

... altri narrano che riuscì davvero a costruire 
una città più bella e più giusta ...
Chi avrà ragione?

Chi desidera intervenire può andare qui sotto su "commenta come", nel menù a tendina selezionare "nome/URL", inserire solo nome e cognome e cliccare su continua. Quindi può scrivere il proprio contributo sul quale rimarrà il suo nome ed eventualmente, se lo ritiene opportuno, può lasciare la sua mail.

Nessun commento:

Posta un commento