Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

sabato 3 gennaio 2015

Figure del Natale. Ottava figura, Riposo durante la fuga in Egitto.


Caravaggio, Riposo 
durante la fuga in Egitto.
Questo dipinto del Caravaggio del 1595-96  rappresenta la nota scena del vangelo di Matteo, 2, 13-15 in cui si narra: «Essi erano appena partiti, quando un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: “Alzati, prendi con te il bambino e sua madre e fuggi in Egitto, e resta là finché non ti avvertirò, perché Erode sta cercando il bambino per ucciderlo”. Giuseppe, destatosi, prese con sé il bambino e sua madre nella notte e fuggì in Egitto, dove rimase fino alla morte di Erode…». Caravaggio interpreta la scena immaginando un momento di riposo, un attimo di sollievo e di conforto nel lungo peregrinare di Giuseppe, di Maria e del bambino. Un angelo suona per loro una musica celestiale: sullo spartito è la parte del cantus del mottetto Quam pulchra es et quam decora del fiammingo N. Bauldewijn, ispirato al Cantico dei Cantici.

Caravaggio, Riposo 
durante la fuga in Egitto, 
particolare.
Nel video che di seguito proponiamo Luigi Ceccarelli presenta  una splendida interpretazione del dipinto e del ruolo che in esso sembra essere attribuito all’arte, sorta di “salvezza” dalle fatiche, dai dolori, dalle pesantezze di questo mondo: «la musica come regalo divino per la dolorosa umanità di sempre».
Si consiglia di mettere in pausa la musica del blog prima di avviare il video.



«Ma» - continua Ceccarelli - «quante famiglie nella storia dell’uomo saranno costrette all’umiliazione dell’Esodo, in fuga da tiranni sanguinari, dalla miseria, dal destino di sopraffazione …»
La fuga in Egitto diventa così metafora di un destino che si ripete, nelle miriadi di persone costrette oggi a fuggire dai loro persecutori. E allora, accanto al sollievo dell’arte, vi deve forse essere il richiamo alla responsabilità etica, al gesto umano e umanizzante della compassione, intesa nel senso etimologico del com-patire, del sentire con l'altro e del portare il dolore dell’altro. 
In Caravaggio il tema del com-patire viene espresso potentemente nella scena della Deposizione (1602-1604) e nella partecipazione che le diverse figure esprimono attraverso la loro stessa fisicità, il loro protendersi verso il centro.

Caravaggio, La deposizione di Cristo.

Chi desidera intervenire può andare qui sotto su "commenta come", nel menù a tendina selezionare "nome/URL", inserire solo nome e cognome e cliccare su continua. Quindi può scrivere il proprio contributo sul quale rimarrà il suo nome ed eventualmente, se lo ritiene opportuno, può lasciare la sua mail.


Nessun commento:

Posta un commento