Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

domenica 20 ottobre 2013

Il sorriso oggi.


Il sorriso inutile ... come un cielo stellato (Van Gogh, La notte stellata).

Sanno sorridere gli uomini e le donne del nostro tempo? Apparentemente sì: riviste, discoteche, cinema offrono ovunque immagini o spettacoli di gente che ride; alla tv non fanno che sorridere in un’inflazione di scherzi televisivi, barzellettari, gare di umorismo più o meno raffinato; sulle reti di internet continuamente ci viene proposto l’artificio del riso di ogni genere  in  un’esplosione quasi orgiastica.

Ridere, ridere, ridere...
E noi passiamo le serate e la domenica a guardare la tv, a “chattare” o a fare pellegrinaggi nei nuovi santuari virtuali. Così anche  il riso è diventato business, fa leva sui nostri sentimenti  ed emozioni,  gioca sui nostri bisogni primordiali di aggregazione, svago, rassicurazione.

Il bisogno di aggregazione e di rassicurazione ...

E’ una permanente ribalta che sbandiera, un duplice riso: la risata schietta, gustosa  (quella che fa buon sangue), liberante e rasserenante; e il riso invece sguaiato, artificioso, irridente, che si fa di volta in volta dissacrazione,  sarcasmo,  derisione, irrisione,  disperazione.

La risata che ferisce ...
E’ l’ambiguità del riso che ogni giorno sperimentiamo, quando un certo modo di sorridere ci allieta ed esalta o viceversa un ben altro modo si rivela arma terribile che  deprime, mortifica, ferisce. Entrambi proiezioni di quel che siamo.

Marionette che danzano.
(Fortunato Depero).

Vorrei tuttavia soffermarmi sul primo sorriso e di questo  vorrei parlare: il bel riso  che   tonifica la persona, la riconcilia con il mondo, la restituisce ai suoi impegni. La dimensione ludica del riso è essenziale ad ognuno di noi: è momento di gratuità, di gioia, gioco, divertimento, serenità,  allegria, libera realizzazione di sé, aspirazione alla felicità. E’ perciò esperienza estremamente seria: non si eredita né si compra né si prende in prestito, ma è un’arte da conquistare, che richiede volti  non omologati  dalle convenzioni di tutti i giorni, capaci, sorridendosi,  di assaporare insieme qui ed ora la gratuità della vita.

La dimensione ludica è essenziale
(Pieter Bruegel).
Nel sorriso cadono le difese, si semplificano le relazioni, si crea una unità  unanime che reclama, nell’incontro di ciascuno con tutti, il gusto del  gesto disinteressato che  non serve a nulla, che  non produce nulla di utile. E’ questo il potere straordinario del sorriso. Bergson direbbe che le persone che amano molto sorridono facilmente ed il sorriso ne è  testimonianza ed annuncio. 


Saper ridere di sé

C’è naturalmente una condizione: ridere  innanzitutto di se stessi e vivere l'umorismo con buon umore. Ma finché nella nostra città ci scambieremo il dono del sorriso, ci sarà speranza nella reciproca accoglienza.



Il dono del sorriso.
     (Fortunato Depero) 

2 commenti:

  1. Gentile signor Luca, mi piacerebbe che a intervenire sul suo commento di ieri,
    20/10/2013, fosse qualche altro potenziale lettore. Perciò lo riporto sul blog.
    Se lo riterrà opportuno, in eventuali prossime riflessioni, le chiederei di scrivere anche sul blog (oltre che naturalmente su facebook) poiché i lettori
    dell’uno non sono gli stessi dell’altro. Sarebbe bello riuscire a creare uno
    spazio di confronto e discussione e il suo contributo sempre ricco e profondo
    risulterebbe preziosissimo. Ovviamente in piena libertà. So che inserire
    commenti su un blog come il mio non è immediato. Già alcune persone mi hanno
    segnalato la difficoltà. Perciò penso di pubblicare presto un video guida che
    spero possa aiutare tutti coloro che desiderano partecipare a questa piccola avventura - non so per quanto - di ricerca, scambio e possibile condivisione di significati, speranze e dialogo.

    RispondiElimina
  2. Commento del 20/10/2013 di Luca Palazzo su facebook:
    "Ci si potrebbe chiedere se riso e sorriso siano la stessa cosa, o meglio se il sorriso sia solo un debole riso. Io penso di no, o almeno non solo. Il sorriso esprime una gamma più sfumata di sentimenti ed emozioni e di solito rispecchia una situazione di calma interiore. Il riso è alimentato da sensazioni più forti ed è lo specchio di un maggior squilibrio. Squilibrio che non è necessariamente negativo: anzi talvolta il riso rigenera l'equilibrio che non avevamo più. Un altro aspetto interessante del riso è la sua ambivalenza o plurivalenza, come è ben evidenziato dall'opera di Bergson citata nell'articolo di ieri. Il riso non è una funzione univoca del nostro essere. Spesso, aggiungerei, oltre a presentare una vasta molteplicità di significati, risulta strettamente collegato a quello che generalmente è il suo opposto: il pianto. Infatti si "piange dal ridere" o si "ride per non piangere"!

    RispondiElimina