Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

domenica 27 ottobre 2013

In terra straniera l'esperienza della bontà.




Un giorno Madeleine Delbrêl si trovava in una grande città, all’estero. Era l’anno 1950 o forse ‘51. Già da un po’ era lontana dalla Francia. 


In terra straniera.

Le era rimasto pochissimo denaro, camminava da molto tempo …
Certamente era stanca, era proprio esausta.
In quel momento si sentiva straniera, sconosciuta, abbandonata. Il dolore che provava – lo capiva - non era solo il suo, era qualcosa di più profondo e universale che apparteneva all’esperienza di tutta l’umanità.
 

Il sentimento dell'abbandono.

Le lacrime cominciavano a salire su da non si sa quale angolo riposto del cuore e non riusciva a trattenerle. 

La nostra comune esperienza di uomini.
Intanto iniziava a piovere e aveva fame. 
Con le poche monete che le rimanevano poteva comprare ben poco: un cibo freddo, qualcosa di semplice. Non appena riuscì a procurarselo lo mangiò lentamente mentre l’acqua le scorreva addosso. 


Lo sguardo che lascia soli.

Fu proprio allora, inaspettatamente, che qualcuno le rivolse una parola, in una lingua imprecisata, appena comprensibile.
“Caffè, vuoi? Io, dare” 
… una donna, le stava offrendo del caffè. 
Fu un piccolo gesto destinato a rimanere impresso in modo indelebile nella sua mente. 

La bellezza del dono gratuito

Spesso si trovò, ancora molto tempo dopo, a ripensare e raccontare quell'episodio apparentemente insignificante.
Quando rifletteva sulla bontà, quando voleva  darle un volto, ecco che riemergeva dai ricordi quella donna. 


Riconciliarsi con la vita

Così rimuginava, con riconoscenza, tra sé e sé:
‹‹ …. è stata buona perché era abitata dalla bontà, non perché io ero dei “suoi”, familiarmente, socialmente, politicamente, nazionalmente, religiosamente. Io ero la “straniera” senza indice di identità.  Avevo bisogno di bontà. Io avevo anche bisogno di quella bontà che si fa misericordia. E mi è stata data da quella donna.
Oggi è un esempio assoluto della bontà perché io ero “non importa chi” e “non importa che”, e perché quel che mi ha fatto lo ha fatto perché la bontà era in lei e non perché ero io. Nel suo atto trovo tutto quello che la bontà deve essere per essere bontà››
(M. Delbrêl,  Noi delle strade, Gribaudi ed., 1995,  pag. 169).


Tutte le immagini riproducono opere di Michelangelo Merisi da Caravaggio.

Chi desidera intervenire e portare il proprio contributo alla riflessione può trovare le indicazioni tecniche nel post del 22 ottobre 2013, dal titolo: "Agli eventuali lettori. Video guida".


Nessun commento:

Posta un commento