Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

lunedì 26 agosto 2013

La fattoria degli animali ...


TUTTI GLI ANIMALI SONO UGUALI
MA ALCUNI  ANIMALI SONO  PIÙ UGUALI
DEGLI ALTRI
(George Orwell)

“In un antico trattato greco di caccia e di pesca i due animali che fanno particolare sfoggio di metis [astuzia] sono la volpe e il polipo. L’astuzia della volpe consiste soprattutto nel capovolgersi quando l’aquila l’attacca; quella del polipo è di rendersi imprendibile per le molte forme che assume.  Il suo calco umano è l’uomo polútropos, l’uomo dalle mille risorse. In questi anni si è diffuso lo studio delle metafore, specie delle metafore animali, nel linguaggio politico. Se ne fa un uso continuo: si pensi in quanti discorsi politici quotidiani entri per diritto o per traverso il riferimento ai “falchi” e alle “colombe”. La metafora della volpe è arcinota. Meno usuale, se non addirittura dimenticata, quella del polipo. Il polipo è capace di adattarsi alle situazioni più varie, di assumere gli aspetti più diversi, d’inventare mille movimenti imprevedibili che renderanno la sua azione più efficace nelle più varie circostanze. Sembra da questa interpretazione che oggi gli stessi caratteri si attribuiscano piuttosto all’uomo politico che spregiativamente viene chiamato “camaleonte”. Vorrei osservare che nessuna di queste metafore animalesche, serpente, volpe, leone, polipo, camaleonte, potrebbe essere usata per raffigurare l’uomo morale, colui che agisce in vista del bene universale, e non soltanto di quello della città. Una prova di più, se ancora ce ne fosse bisogno, della irriducibilità delle cosiddette virtù politiche nel senso machiavellico della parola alla virtù morale”.
(Norberto Bobbio, Ragion di stato e democrazia, in Elogio della mitezza, Il Saggiatore, Milano 2010, pagg. 96-97)

 

Nessun commento:

Posta un commento