Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

mercoledì 6 novembre 2013

La verità dell'elefante.




C’era un paese in cui non si era mai visto un elefante. Anzi: la gente nemmeno sapeva che cosa fosse.


... non si sapeva che tipo di animale fosse l'elefante ...



L’imperatore dell’India, per i suoi interessi politici, volendo stipulare un’alleanza con il re di quel paese,  gli mandò in dono un elefante che arrivò di notte e subito venne rinchiuso in un padiglione del giardino dell’ambasciata, in attesa  della consegna ufficiale in pompa magna.


Quando l'imperatore dell'India donò un elefante al re di quel paese...


tutti erano curiosi di sapere com'era fatto.

La curiosità della gente era grande e, per vedere com’era fatto un elefante, quattro dei  più coraggiosi decisero di  introdursi di soppiatto nel padiglione  approfittando della notte e del buio. Anzi, per non farsi scoprire, non portarono con sé neanche una lanterna, limitandosi a toccare l’animale, palpandolo ben bene e scappando poi di gran volata per  tornare dagli amici che li aspettavano impazienti.

“Ecco com’è fatto un elefante:”, disse il primo che aveva toccato una zampa, “è come una colonna, una grande colonna tutta tonda”.


Il primo, che aveva toccato una zampa, lo paragonò ad una colonna.

Ma il secondo, che aveva toccato la proboscide, replicò: “Niente affatto: è come una grossa corda, molto grossa e molto lunga.”



Per il secondo, che aveva tastato la proboscide, l'elefante era come una grossa corda.



Il terzo, che aveva toccato ben bene un orecchio dell’elefante, assicurò invece che l’animale aveva l’aspetto di un grande, grande ventaglio e il quarto, che aveva ispezionato la coda, affermò che dopotutto l’elefante assomigliava proprio al codino di un maiale, ma molto più alto e ruvido.


Il terzo, avendo palpato un orecchio,  descriveva l'elefante come una specie di grosso ventaglio.

Per il quarto, che aveva ispezionato la coda, l'elefante era proprio simile al codino di un maiale.

Questo capita a chi vuol parlare delle cose senza averne una visione globale. 


Nessuno dei quattro aveva capito 
com'era fatto un elefante.

(Gabriel Mandel, Saggezza islamica, San Paolo).

Tutte le immagini riproducono quadretti in stile tingatinga (Tanzania, XX secolo).

Chi desidera intervenire può consultare il post del 22/10/13 oppure semplicemente andare qui sotto su "commenta come", nel menù a tendina selezionare "nome/URL", inserire solo nome e cognome e cliccare su continua. Quindi può scrivere il proprio contributo sul quale rimarrà il suo nome ed eventualmente, se lo ritiene opportuno, può lasciare la sua mail.

Nessun commento:

Posta un commento