Iscriviti ai Feed Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Seguici tramite mail

Per alcune aree tematiche cliccare sulle immagini.

tag foto 1 tag foto 2 tag foto 3 tag foto 4 tag foto 5 tag foto 6 tag foto 7 tag foto 8 tag foto 9 tag foto 10 tag foto 10

martedì 10 settembre 2013

La lezione di Socrate oggi ...

 
 

Platone scrive il Critone intorno al 395 a. C., eppure le sue parole sono d'incredibile attualità …

Socrate è stato condannato a morte e Critone, suo fedele amico,  gli suggerisce la possibilità della fuga. Socrate non intende evadere dal carcere e risponde, all’invito di Critone, inscenando un dialogo immaginario con le Leggi in persona …

 
 
 


Socrate – Dunque partendo dalle cose sulle quali ci siamo accordati, bisogna che ora consideriamo questo: se sia giusto che io cerchi di uscire di qui senza che gli Ateniesi lo autorizzino, oppure se non sia giusto; e, se apparirà giusto, tentiamo; se no, lasciamo andare. […]

 
Allora rifletti su questo. Se, mentre noi siamo sul punto di svignarcela di qui, o come altrimenti si debba chiamare questa azione, ci venissero incontro le Leggi e la Città, e, fermandosi innanzi, ci domandassero:

«Dimmi, o Socrate, che cosa hai intenzione di fare? Che altro pensi, con questa azione che stai per compiere, se non di distruggere noi che siamo le Leggi e tutta quanta la Città, per quanto dipende da te? O ti pare che possa ancora esistere e che non venga interamente sovvertita quella Città, in cui le sentenze emesse non hanno vigore, ma, ad opera di privati cittadini, vengono destituite della loro autorità e distrutte?»
 
 
Che diremo, o Critone, a questi e ad altri simili argomenti? Molte cose, infatti, uno potrebbe dire, in particolare se oratore, a favore di questa legge trasgredita, la quale prescrive che le sentenze emesse abbiano vigore.
Oppure diremo loro:
«La Città ha commesso ingiustizia contro di noi e non ha giudicato la causa secondo giustizia?».
E che diremo, dunque, se le Leggi così continuassero a dire: «Forse si accordò fra noi e te anche questo, o non, invece, di attenersi alle sentenze che la Città pronuncia? […]. Di’, dunque, che cosa hai da rimproverare a noi e alla Città, dato che cerchi di distruggerci? […] credi tu forse che ci sia pari diritto fra te e noi, e, se noi intendiamo fare qualcosa contro di te, credi di aver diritto anche tu di fare le stesse cose contro di noi?»

(Platone, Critone 48b-50e, contenuto in Tutti gli scritti, Rusconi, Milano 1994)
 




Nessun commento:

Posta un commento